Specie dopo la celebrazione l’altro ieri del ventennale della fondazione dalemiana “Italiani Europei”, è evidente che il Pd(s) di Zingaretti una strategia politica ce l’ha: contrastare il neoliberismo, restituire allo Stato un ruolo decisivo nella correzione del mercato, combattere la destra “radicale”, quindi “sradicare” (Cuperlo) i 5Stelle dall’abbraccio con Lega. Si può condividere o no (intendo all’interno del Pd) questa strategia, ma c’è.

Il Pd di Martina (o di Giachetti-Ascani) cosa può contrapporre a questa linea? Lo chiedo innanzitutto ai miei amici liberali e renziani, come Stefano Ceccanti o Umberto Minopoli, fra i tanti.

Direi nulla, ma proprio nulla. Quel Pd è estinto. Non sarebbe forse l’ora, anche per loro, di lavorare da subito per costruire un’alleanza liberaldemocratica che unisca politicamente ed elettoralmente il centro del centrosinistra e il centro del centrodestra insieme a tutte quelle associazioni spontanee che germogliano in ogni dove e che sono in attesa di una piattaforma politica che le accolga e dia loro quella soggettività politica di cui l’Italia liberaldemocratica ha disperato bisogno? E perché non farlo subito, prima che sia troppo tardi, prima che Lega e 5Stelle consolidino irreparabilmente, con la vittoria alle elezioni europee, il progetto anti democrazia liberale che li accomuna? La risposta implicita nel silenzio di quella parte del Pd la conosco: occorre prima che si sciolga l’enigma Renzi.

Guardate, Renzi è un enigma anche per sé stesso, non state ad aspettare Godot, o i tartari. Agite subito perché il vostro, come quello di +Europa peraltro, è il peggior atteggiamento politico possibile, è l’Aventino.

  • 9
  •  
  •  
  •